Attestato qualità distributiva
close
open
15/10/2012

Affissioni Abusive ...

Sannazzaro vuole multare i volantini attaccati ai pali Il Comune deciso ad applicare la sanzione di 500 euro prevista dal regolamento L’assessore: «Basta coi manifesti abusivi, affissioni solo negli spazi consentiti» SANNAZZARO. Manifesti e volantini affissi su segnali stradali e mura pubbliche e private sono messi al bando. Nulla di nuovo se non fosse che il comune è deciso ad applicare alla lettera un vecchio articolo del regolamento comunale che vieta l’affissione di ogni genere di manifesto e volantino al di fuori degli spazi stabiliti. La multa prevista dal regolamento era e rimane una sola: 500 euro. L’assessore al commercio Andrea Ziglioli ha fatto il giro della città togliendo personalmente, dove possibile, ogni tipo di manifestino affisso impunemente alle colonne dei porticati delle piazze, sui tronchi di alberi dei viali, sui muri anche privati. E dice: «Dobbiamo spingere associazioni e privati a perdere la cattiva abitudine di affiggere volantini dovunque. All’abitudine negativa dell’affissione abusiva si aggiunge la consuetudine di non staccare gli avvisi dopo che l’evento indicato nel manifesto si è concluso. Insomma, ci troviamo ogni angolo della città tappezzato di annunci matrimoniali con i volti degli sposi in bella vista, avvisi cerca-lavoro, ricerca di cani e gatti sperduti, volantini di corse, gare e cene di ogni tipo.Si vuole dire basta». Per la verità era intenzione del sindaco Giovanni Maggi di regolarizzare il tutto attraverso una specifica ordinanza. Ma l’assessore Ziglioli aggiunge: «Non serve. Esiste un articolo del regolamento comunale, mai osservato, neppure mai applicato, che fa divieto di affissioni se non negli appositi spazi indicati dall’ente locale. Ed allora si è deciso di applicarlo con fermezza. La multa è fissa, senza alcuni minimo e massimo. Ed è davvero salata perchè punisce con una sanzione forfettaria di 500 euro». Associazioni e non solo dovranno ora usufruire dei soli tabelloni “ufficiali” posti sotto i porticati di piazza Mercato e a palazzo Pollone; presto saranno disponibili anche due bacheche in piazza Palestro; poi le normali affissioni a pagamento. L’assessore Ziglioli conclude: «Non si ammetteranno deroghe a quella voce di regolamento che mai nessuno ha fatto rispettare». Da ora in poi, quindi, non si può sconfinare oltre gli spazi per le affissioni se si vuole chiedere aiuto per ritrovare un cane smarrito o annunciare le proprie nozze. Paolo Calvi (La Provincia Pavese) LINK